Studi giraldiani. Letteratura e teatro

La rivista nasce dall’esigenza di promuovere e coordinare le ricerche intorno all’umanista ferrarese Giovan Battista Giraldi Cinthio (1504-1573), al suo contesto storico-culturale, alla sua fortuna, in una prospettiva europea. Oltre che per le potenzialità offerte dallo strumento on line, la rivista si caratterizza anche per la sua dimensione internazionale e interdisciplinare. Intende infatti aprirsi a contributi di ampio respiro, che, nell’affrontare questioni centrali della speculazione giraldiana, al contempo indaghino aspetti peculiari della storia e della teoria letteraria: il sistema dei generi letterari, temi e forme della scrittura poetica e del teatro comico e tragico, il rapporto fra antichi e moderni, storia e finzione,  testo e spettacolo, contenuto e forma,  estro poetico e regole,  obiettivi pedagogici ed edonistici e, in generale,  fra tradizione e innovazione.

Immagine della testata ella rivista

Bartolomeo Neroni detto il Riccio, Scena dell’Ortensio, particolare, Londra, Victoria and Albert Museum

               

dee […] procurare il poeta di fare che si scuopra, all’abbassar della coltrina,
scena degna della rappresentatione della favola, sia ella comica o tragica […]

Giovan Battista Giraldi Cinthio, Discorso intorno al comporre delle comedie et delle tragedie, 237
(ed. Venezia, Giolito, 1554, p. 277)