Giovan Battista Nicolosi, un Geografo siciliano tra tradizione e innovazione culturale

Corradina Polto

Abstract


Lo studio mira a delineare la figura di Giovan Battista Nicolosi, uno tra i più
importanti studiosi di Geografia del XVII secolo, nato a Paternò (Ct) nel 1610 e trasferitosi a Roma, dove approfondì i suoi studi religiosi conseguendo il titolo di Dottore in Teologia. Elevate le sue conoscenze in campo letterario e scientifico, specie nella Matematica, e soprattutto nella Geografia e nella Cartografia. Visse in una età di transizione, in cui si avviava un profondo rinnovamento scientifico e si affermavano nuovi geografi e cartografi come Varenius, Riccioli, Jannson, Blaeu che succedevano ad Ortelio, a Mercatore e a Magini. Le sue numerose opere geografiche e cartografiche costituiscono l’espressione della tradizione culturale consolidata in anni di studi condotti nell’ambiente ecclesiastico con l’adesione alle teorie geocentriche tolemaiche, ma, al tempo stesso palesano l’approccio quasi timoroso alle intuizioni scientifiche di Copernico, confermate da Keplero e da Galilei.

Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


ACCADEMIA NAZIONALE DI SCIENZE, LETTERE E ARTI DI PALERMO ( a cura di),Giovan Battista Nicolosi, Dell’Hercole e studio geografico. Palermo, RegioneSiciliana,1991.


ALMAGIÀ R., L’Italia di Giovanni Antonio Magini nei secoli XVI e XVII. Napoli, Perrella,1922.


ALBERTI L., Descrittione di tutta Italia. Aggiuntavi la Descrittione di tutte l’isole. Riproduzione Anastatica dell’edizione 1568 con apparato critico regionale. Bergamo, Leading Edizioni, 2003.


ALMAGIA’ R., I lavori cartografici di Pietro e Jacopo Russo. “Accademia Nazionale dei Lincei”. Rendiconti, s.VIII, v.XII,1957.


AMICO V., Dizionario topografico della Sicilia, vol.II, a cura di G.Di Marzo. Palermo, 1855.


ARICO’ N. ( a cura di), Francesco Negro, Carlo Maria Ventimiglia, Atlante di città e fortezze del Regno di Sicilia.1640. Messina, Sicania, 1992.


AVERDUNK H.-MULLER REINHARD J., Gerhard Mercator und die Geographie unter seinen Nachkommen. “Petermanns Mittleitung”, Erganzungsheft n.182. Gotha, 1914 (rist.Amsterdam, Theatrum Orbis Terrarum, 1969).


BAGROW L., Abramii Ortelii Catalogus Cartographorum. Ester teil, “Patermanns Mitteilung”, Ergänzunsheft n.199. Gotha, 1928, pp20-102.


BROC N., La Geografia nel Rinascimento. Modena, Panini, 1989.


CARACI G., Il cartografo messinese Joan Martines e l’opera sua. “ Atti della R.Accademia Peloritana”, vol.XXXVII, 1935, pp.619-667.


CONTI S., La cartografia nautica e i laboratori siciliani, in CUSIMANO G., (a cura di), Ciclopi e Sirene. Geografia del contatto culturale.” Annali della Facoltà di Lettere e Filosofia. Università di Palermo”, 2003.


DUFOUR L., Dalle piazzeforti al territorio: gli ingegneri militari e la cartografia in Sicilia tra ‘500 e ‘700. “Effigies Siciliae”.Roma, Società Geografica Italiana, 1999, pp.69-87.


FEDERZONI L., (a cura di), I Fiamminghi e l’Europa. Lo spazio e la sua rappresentazione. Bologna, Patron, 2001.


FIORINI M., Gerardo Mercatore e le sue carte geografiche. “Boll.Soc.Geogr.It.”, s.III,,v.III, 1890, pp.94-110.


GAMBI L.-PINELLI A., La Galleria delle carte geografiche in Vaticano. Modena, Panini, 1994.


GIARDINA F.S., Un bel nome siciliano nella storia della Geografia: G.B.Nicolosi. “Atti del IX Congresso Geografico Italiano”. Genova, 1924, v.II, pp. 366-371.


IOLI GIGANTE A., Le Officine di Carte nautiche a Messina nei secoli XVI e XVII. “ Archivio Storico Messinese”, 1979, XXX, pp. 101-113.


KOEMAN C., The History of Abraham Ortelius and his “Theatrum Orbis Terrarum”. Losanna, 1964.


MONGITORE A., Biblioteca Sicula. I. Palermo, Tip. Didaci Bua, 1708 ( rist. A,Forni, 1971).


NUTI L, Ritratti di città. Venezia, Marsilio, 1996.


ORTOLANI G.E., Biografia degli uomini illustri della Sicilia. III. Napoli, 1819.


POLTO C., La Sicilia di Tiburzio Spannocchi. Una cartografia per la conoscenza e il dominio del territorio. Firenze, I.G.M., 2001.


POLTO R., Il paesaggio urbano di Siracusa tra cartografia e cultura classica, in Conti S.-Macrì G.( a cura di), Giochi di specchi. Spazi e paesaggi mediterranei tra storia e attualità. Locri, Pancallo Ed., 2011, pp.47-62.


ROLETTO G.B., Le cognizioni geografiche di Leandro Alberti. “ Boll.Soc. Geogr.It.”, s.V, XI (1922), pp.455-485.


RUSSO S., Le “Antiche Siracuse” di Vincenzo Mirabella, in Barbera G-Gallo F. ( a cura di), Siracusa e la sua immagine. Le stampe della collezione Broggi. Palermo, Regione Siciliana, 2000, pp.51-54.


SCARLATA M., L’opera di Camillo Camiliani. Roma, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato. Libreria dello Stato, 1993.




DOI: https://doi.org/10.6092/2240-7715/2019.2.109-125

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.