La mistificazione capitalistica uccise la mistificazione sovietica. La fine del socialismo reale visto dai periodici anarchici italiani

Eugenio Enea

Abstract


Con questo saggio intendo ripercorrere le analisi degli anarchici italiani successive al fallimento del golpe dell’agosto 1991 contro Gorbačëv, che condusse l’Unione Sovietica verso la dissoluzione finale. Gli sforzi che seguirono per trasformare la federazione sovietica in una confederazione di repubbliche sovrane fallirono con la nascita della Comunità degli Stati Indipendenti nel dicembre del 1991.
La dissoluzione dell’Unione Sovietica fu provocata da un mix di questioni lasciate in sospeso nel corso del Novecento1 e dagli egoismi politici di una classe dirigente che si era assuefatta a governare subendo le direttive dal centro e – di conseguenza – non educata a valutare gli effetti delle proprie decisioni.

Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Cerrito Gino, Il ruolo dell’organizzazione anarchica, RL Edizioni, Catania, 1973.


Chiesa Giulietto, Da Mosca alle origini di un colpo di stato annunciato, Edizioni Laterza, Milano, 1993.


Fedele S. (a cura di), Antifascismo e antitotalitarismo. Critici italiani del totalitarismo negli anni Trenta, Rubettino, Soveria Mannelli, 2009.


Id., Luigi Fabri, un libertario contro il bolscevismo e il fascismo, Biblioteca Franco Serrantini Edizioni, Pisa, 2006.


Stalin Iosif, Opere complete Vol. 1, Ed. Rinascita, Roma, 1955.

Quotidiani e Periodici


«Il Sabato», a. XIV (1991), n. 43.


«La Stampa», a. CXXV (1991), nn. 192 – 210.


«Rivista Anarchica», a. XXI (1991), nn. 6 – 9.


«Sicilia Libertaria», a. XV (1991), nn. 91 – 95.


«Umanità Nova», a. 78 dal nn. 22-41.




DOI: https://doi.org/10.6092/2240-7715/2019.2.197-218

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.