Messanae Universitas Studiorum

Valore diagnostico del PSA density della zona transizionale nel tumore della prostata. Esperienza personale

Anastasi, G. and Galì, A. and Carmignani, A. and Inferrera, A. and D'Arrigo, L. and Petrelli, A. and Crea, G. and Broccio, G. and Magno, Carlo (2001) Valore diagnostico del PSA density della zona transizionale nel tumore della prostata. Esperienza personale. Accademia Peloritana dei Pericolanti, Classe di Scienze Medico-Biologiche, LXXXIX. pp. 215-219.

[img] PDF - Submitted Version
Restricted to Registered users only

Download (1224Kb)

    Abstract

    Abbiamo studiato 156 pazienti (età media 70,6 aa) con valori di antigene prostatico specifico (PSA) compresi tra 4 e 10 ng/ml (media 7,9 ng/ml), con esplorazione digitorettale (DRE) ed ecografia transrettale (TRUS) non sospette per neoplasia. In tutti i pazienti sono stati calcolati: il rapporto tra il PSA ed il Volume della ghiandola prostatica ottenendo la densità del PSA (PSAD) ed il rapporto tra il PSA ed il volume della zona di transizione ottenendo il PSA transizionale (PSAT). La TRUS è stata eseguita con sonda biplanare da 5 MHz. I volumi sono stati calcolati con la formula dell’ellissoide.
    Lo scopo del lavoro è stato quello di valutare la predittività del PSAT rispetto al PSAD nei pazienti.
    24 pazienti (15,4%) dei 156 studiati avevano un cancro della prostata, confermato istologicamente, mentre 132 (84,6%) erano affetti da ipertrofia prostatica benigna. Adottando come valore cut-off 0,15 ng/ml/cc per il PSAD, la specificità e la sensibilità sono stati pari al 75% e 68%, il valore predittivo positivo e negativo sono stati rispettivamente del 54% e 17%, mentre con un cut-off di 0,34 ng/ml/cc per il PSAT, la sensibilità e la specificità sono risultate rispettivamente dei 100% e 68%, con valori di predittività positivi e negativi del 60% e 18%. Alla luce dei nostri risultati, in accordo con i dati della letteratura, possiamo affermare che il PSAT sembra avere una maggiore predittività rispetto al PSAD, consentendo pertanto, di razionalizzare l’impiego della biopsia prostatica in particolare nei pazienti con range di PSA compreso tra 4 e 10 ng/ml.

    Item Type: Article
    Subjects: M.U.S. - Miscellanea > Atti Accademia Peloritana > Classe di Scienze Medico-Biologiche > 2000-2001
    Divisions: UNSPECIFIED
    Depositing User: Dr A F
    Date Deposited: 08 Jan 2013 10:33
    Last Modified: 02 Apr 2013 10:15
    URI: http://cab.unime.it/mus/id/eprint/3018

    Actions (login required)

    View Item