Messanae Universitas Studiorum

Ricerche sui rapporti tra sangue e liquido di edema nella gestante

Micale, Guido and Puglisi, Paolo (1946) Ricerche sui rapporti tra sangue e liquido di edema nella gestante. Atti della Reale Accademia Peloritana dei Pericolanti, XLVIII. pp. 450-460.

[img] PDF - Published Version
Restricted to Registered users only

Download (2848Kb) | Request a copy

    Abstract

    In gestanti normali ed in gestanti con affezioni edemigene (edemi puri, nefropatie gravidiche anipertoniche, nefropatie ipertensive), gli AA. hanno determinato nel sangue e nel trasudato sottocutaneo (liquido di bolla, edema) cloruri, glucosio ed urea allo scopo di stabilire i rapporti esistenti tra sangue e liquido interstiziale. Essi hanno costantemente riscontrato, come in ricerche analoghe eseguite fuori dalla gravidanza, un maggiore tenore di queste sostanze nel liquido rispetto al sangue; ma nella gravidanza questa differenza è particolarmente notevole per i cloruri e per l'urea e rappresenta perciò un dato caratteristico della composizione del liquido interstiziale, oltre che una conferma della ritenzione tissulare di urea e di cloruri da parte dell'organismo della gestante.
    Dai risultati ottenuti emergono tre elementi fondamentali, che caratterizzano i rapporti tra sangue e trasudato sottocutaneo, e cioè il comportamento della parete capillare come membrana semipermeabile, nel senso che tra sangue e trasudato si viene a stabilire un equilibrio di membrana secondo Donnan, che spiega la ragione per cui nel liquido il tasso di sostanze diffusibili è superiore a quello del sangue; un'azione, che potrebbe definirsi di massa, per cui ad un maggiore tenore di sostanze diffusibili nel sangue corrisponde un maggior tenore nel liquido; un'azione vitale, esercitata dalla parete capillare, nel senso che l'eccesso di sostanze diffusibili nel liquido è tanto meno cospicuo quanto più il tasso ematico è elevato, e viceversa. A parte questi tre fattori fondamentali e costanti ve ne sono altri variabili ed in rapporto con la gravità della forma edemigena, con alterazioni metaboliche individuali, che influiscono anch'esse sulla formazione, sulla composizione e sull'ulteriore evoluzione dell'edema.

    Item Type: Article
    Subjects: M.U.S. - Miscellanea > Atti Accademia Peloritana > Classe di Scienze Medico-Biologiche > 1945-46
    Divisions: UNSPECIFIED
    Depositing User: Dr V T
    Date Deposited: 21 Jan 2013 10:54
    Last Modified: 21 Jan 2013 10:54
    URI: http://cab.unime.it/mus/id/eprint/3477

    Actions (login required)

    View Item