Messanae Universitas Studiorum

Sindromi schizofreniche e sifilide congenita

De Franco, Franco (1944) Sindromi schizofreniche e sifilide congenita. Atti della Reale Accademia Peloritana dei Pericolanti, XLVI. pp. 293-311.

[img] PDF
Atti_2_1943-44_293.pdf - Published Version
Restricted to users from Unime

Download (12MB) | Request a copy

Abstract

Le precedenti considerazioni portano a queste conclusioni essenziali: a) le sindromi schizofreniche che si manifestano negli eredoluetici evolvono su un terreno ereditario e costituzionale sicuramente tarato. Infatti si osserva tara ereditaria neuro-psicopatica nel 77% dei casi, carattere schizoide preesistente nel 68%; complessivamente il 94% dei pazienti si mostrano predisposti. Questa predisposizione morbosa è indipendente dalla lue, la quale, almeno in base a questa indagine, non si rivela capace di determinare una costituzione schizoide predisponente; b) la sifilide congenita è un fattore da tenere presente nella etiopatogenesi della schizofrenia; e che abbia indubbiamente questo valore è dimostrato sia dalla comparsa precoce delle sindromi schizofreniche negli eredoluetici, sia dalla constatata, certa e durevole guarigione di alcuni di questi casi. In qual modo poi la lue esplichi la sua azione in parte è chiarito da questo studio: risulta infatti chiaramente che agisce in alcuni casi come fattore indiretto, organico, preparante il terreno, nel qual caso un altro fattore morboso determina il terreno, nel qual caso un altro fattore morboso determina la comparsa della sindrome. Questa ricerca clinica è invece insufficiente a dimostrare un'azione determinante, diretta della lue, dimostrazione d'altra parte difficile ed ancora non raggiunta neanche con altri studi, anatomo-patologici (Marchand) ecc; c) i casi di schizofrenie che si manifestano negli eredoluetici non presentano nel loro complesso di sintomi, caratteristiche particolari tali che possano far individuare un'entità nosografica autonoma nel campo della schizofrenia; d) la terapia specifica in alcuni casi, che però non rappresentano la maggioranza statistica, si mostra efficace e proficua portando a guarigioni e miglioramenti notevoli. Gli insuccessi terapeutici, che si riscontrano invece nella maggior parte dei casi, sono da riportare alle particolari lesioni anatomo-patologiche irreversibili determinate o dalla lue o dal fattore ultimo scatenante.

Item Type: Article
Subjects: M.U.S. - Miscellanea > Atti Accademia Peloritana > Classe di Scienze Fisiche, Matematiche e Naturali > 1943-44
M.U.S. - Miscellanea > Atti Accademia Peloritana > Classe di Scienze Giuridiche, Economiche e Politiche > 1943-44
M.U.S. - Miscellanea > Atti Accademia Peloritana > Classe di Scienze Medico-Biologiche > 1943-44
M.U.S. - Miscellanea > Atti Accademia Peloritana > Classe di Lettere, Filosofia e belle Arti > 1943-44
Depositing User: Dr V T
Date Deposited: 19 Feb 2013 09:50
Last Modified: 19 Feb 2013 09:50
URI: http://cab.unime.it/mus/id/eprint/4018

Actions (login required)

View Item View Item