Le preferenze di consumo e risparmio tra i consumatori: una prospettiva comportamentale

Quattrocchi, Antonella (2018) Le preferenze di consumo e risparmio tra i consumatori: una prospettiva comportamentale. Laurea thesis, UNSPECIFIED.

[img] Text
Tesi di Laurea Antonella QUATTROCCHI.pdf
Restricted to Solo utenti registrati Info

Abstract

In questa tesi si è voluto analizzare il comportamento degli individui come fattore che orienta e indirizza le scelte di consumo e risparmio e le relative implicazioni per le politiche pubbliche. Il comportamento del consumatore è stato da sempre oggetto di attenta e accurata analisi sia dal punto di vista della letteratura sia dalle evidenze empiriche. Le primissime teorie economiche risalgono al 350 a. C. quando fu proprio il filosofo Aristotele a gettare le basi per importanti riflessioni sul rapporto tra economia ed etica contribuendo inoltre a sviluppare dei primi approcci all’economia politica. La sua più nota citazione è “l’uomo è un animale razionale”. Con tale espressione, egli ha voluto enunciare il fatto che l’individuo ha caratteri comuni agli animali ma anche caratteri che lo distinguono nettamente. Nel processo decisionale del consumatore, infatti, il singolo è guidato sia dalla ragione che gli permette di pensare e ragionare accuratamente prima di prendere una decisione, sia dall’istinto che lo porta a effettuare scelte impulsive e spesso sbagliate. E’ proprio questo che Aristotele vuole mettere in luce: contrariamente all’animale, dotato soltanto dell’istinto, l’uomo è in grado di riflettere, ragionare, gestire i propri impulsi e vigilare costantemente il proprio comportamento. Nel corso degli anni si sono susseguite pertanto varie teorie che hanno dato vita a interessanti modelli di consumo relativi alla razionalità e all’irrazionalità dell’agente economico posto di fronte alla scelta, tutt’oggi oggetto di innumerevoli studi. Tuttavia la visione dell’uomo irrazionale, vale a dire del decisore che compie le proprie scelte guidato anche e perlopiù dall’istinto e non soltanto dalla ragione, non è da sempre esistita. Ecco perché quando si parla di economia comportamentale si fa riferimento ad una disciplina relativamente giovane e recente, proprio per il fatto che a partire da uno specifico momento nel tempo è entrata in scena una nuova concezione dell’uomo e dell’agire umano e di come quest’ultimo possa influenzare e determinare in seguito le scelte finali.

Item Type: Tesi (Laurea )
Subjects: Scienze Economiche e Statistiche
Dipartimento: Dipartimento di Economia
Depositing User: Mrs Cettina Cosenza
Date Deposited: 12 Sep 2018 11:37
Last Modified: 12 Sep 2018 11:37
URI: http://cab.unime.it/tesi/id/eprint/3544

Actions (login required)

View Item View Item