Call for papers n.23 (June 2024)

The Imaginary of Artificial Intelligence
Editor: Maria Giovanna Musso


Artificial Intelligence, in addition to being the intangible infrastructure that has been supporting, regulating, orienting and sometimes replacing human choices in various spheres for years now, has quickly become a mass phenomenon that involves public debate and concerns every area of social life (from industry to education, art, medicine, sport, war, politics, etc.).


Even more than other disruptive technologies that preceded it (such as writing, electricity, the computer), AI is a powerful accelerator of social change in pervasive and radical terms. Thanks to the universal and rapid diffusion of its applications and effects, the circulation and 'naturalisation' of the imaginary contents that inspire it - and from which it releases its power - AI contributes, in fact, to establishing a new relationship between the human and the Other, to reconfiguring the relationship between nature and artifice, between phenomenon and representation, between simulacrum and 'reality', while reshaping the traditional notions of intelligence, creativity, truth, agency, life, etc.


The 23rd issue of Im@go is dedicated to the premises and consequences of the use of AI on the level of imaginary and the role it plays in this epochal transition, a role which, as we know, harbours extraordinary promises of transformation and human empowerment, but also substantial risks, many of which are not entirely foreseeable and some of which have already been foreshadowed by some scientists and experts in the field. 


As it is impossible to explore all the implications of the subject, this monographic issue of Im@go will host analyses concerning the transformations IA engenders in every dimension of social life (economic, labour, scientific, artistic, legal, ethical, etc considered from the theoretical-epistemological perspective that privileges the role of the imaginary in the institution of social reality (Castoriadis), including technical production. 


This Call is based on the theoretical assumption that the relationship between technique and the imaginary, far from being accidental or incidental, is to be considered crucial, given the co-essentiality and the mutual feeding of the terms involved. Technique and the imaginary are, in fact, involved in a generative and co-evolutionary dynamic that operates in a double direction. On the one hand, it goes from myth and beliefs (including religious ones) to the invention-creation of artefacts (scientific, technological, artistic, etc.); and, in the opposite direction,  it goes from scientific and technological artefacts to the production of new imaginaries, so establishing the conditions that make possible the creation of mental and epistemological frameworks better suited to accommodate the new brainframe.


The macro-areas we intend to explore are the following: 


A. The imaginary and epistemic roots of AI. In this area we intend to shed light on the symbolic structures (mythical, legendary, archetypal, religious, magical, etc.) that constitute the imaginary territory that has become the nourishment of Artificial Intelligence, and also on the discursive contexts and epistemological fractures (e.g. those that mark the passage from mechanics to cybernetics) that have dotted the scientific and technical path of which Artificial Intelligence is the product;


B. Ambivalences, aspirations and technological anxieties. The aim here is to investigate the reasons for the success and/or rejection of AI by observing not only the more immediate technological, economic and practical processes, but also the deeper motivations, underlying aspirations and imaginary implications AI evokes and produces by its very nature. In particular, the aim is to analyse the ambivalences associated with its use, the emotions and imaginary projections it implies - often in combination with the interests and strategies that accompany its production, uses and dissemination - traces of which can also be found in marketing narratives, economic-productive strategies, lobbing activities, regulatory policies, institutional rhetoric, ethical arguments, etc;


C. The psycho-social, economic and political consequences. This section will focus on analyses concerning the implementations of AI in the various spheres of social life and the consequences that, in phenomenal, prospective and imaginary terms, might emerge in the productive, labour, economic-financial, artistic, war, legal, political, medical, educational spheres, etc;


D. Promises and possible futures of artificial humanity. In particular, the promises, perspectives and possible outcomes of the transformations of the human associated with AI, not only those inherent to the relationship between human and an 'intelligent' machine, but also the outcomes of combining AI with other technological innovations (e.g. genetic engineering), including AI -related utopias, dystopias and retrotopias. 


In addition to sociological contributions this issue will also welcome philosophical, anthropological, psychological, ethical, political or legal reflections or contributions from the IT sector, the world of art, of production and finance, and other AI-related areas of research always giving special attention to the imaginary components of the phenomenon. 


Articles can be written in Italian, English, French or Spanish.  


They must contain the name(s) of the authors and their respective institutional affiliations and be accompanied by a short abstract (max 500 words), 5 keywords, an essential bibliography (about 5 references) and a short biography (max 50 words). 


They should be sent simultaneously to: rivistaimago@gmail.com and mariagiovanna.musso@uniroma1.it


Deadlines:
Abstracts submission: by 15 March 2024
Notification of acceptance of abstracts; by 20 March 2024
Submission of articles in final form: by 15 May 2024
Final revision (based on the outcome of the peer-review): by 15 June 2024
Publication of the issue: July 2024
 

 

 

 

VERSIONE ITALIANA

 


L’Intelligenza Artificiale oltre ad essere l’infrastruttura immateriale che già da anni supporta, regola, orienta e talvolta sostituisce le scelte umane in vari ambiti, è divenuta in breve un fenomeno di massa che coinvolge il dibattito pubblico e riguarda ogni area della vita sociale (dall’industria all’educazione, all’arte, alla medicina, allo sport, alla guerra, alla politica ecc.).


Ancor più delle altre tecnologie dirompenti che l’hanno preceduta (come la scrittura, l’elettricità, il computer) l’AI è un potente acceleratore del mutamento sociale in termini pervasivi e radicali. Grazie alla diffusione universale e rapida delle sue applicazioni e dei suoi effetti, alla circolazione e alla “naturalizzazione” dei contenuti immaginari che la ispirano – e da cui sprigiona la sua potenza – l’AI contribuisce, infatti, a istituire un nuovo rapporto fra l’umano e l’Altro da sé, a riconfigurare il rapporto tra natura e artificio, tra fenomeno e rappresentazione, tra simulacro e “realtà”, rimodellando al tempo stesso le nozioni tradizionali d’intelligenza, creatività, verità, agency, vita, ecc.


Il numero 23 di Im@go è dedicato alle premesse e alle conseguenze che l’uso dell’AI ha sul piano dell’immaginario e al ruolo che essa svolge in questo passaggio epocale, un ruolo foriero, com’è noto, di straordinarie promesse di trasformazione e potenziamento dell’umano ma anche di enormi rischi, molti dei quali non del tutto prevedibili e in parte già adombrati da alcuni scienziati ed esperti della materia. 


Nell’impossibilità di esaurire tutti i risvolti della tematica in oggetto, questo numero monografico di Im@go ospiterà le analisi che riguardano le trasformazioni in atto in ogni dimensione della vita sociale (economica, lavorativa, scientifica, artistica, giuridica, etica ecc.) in cui interviene l’AI, purché siano analizzate dal vertice teorico-epistemologico che privilegia il ruolo dell’immaginario nell’istituzione della realtà sociale (Castoriadis), compresa la produzione tecnica. 


Il presupposto teorico da cui muove questa Call è che il rapporto fra tecnica e immaginario, lungi dall’essere accidentale o accessorio, sia da considerarsi cruciale, data la co-essenzialità e la capacità di alimentazione biunivoca dei termini implicati. Tecnica e immaginario sono, infatti, coinvolti in una dinamica generativa e co-evolutiva che opera in una duplice direzione. Da un lato, quella che va dal mito e dalle credenze (anche religiose) all’invenzione-creazione degli artefatti (scientifici, tecnologici, artistici ecc.); e, dall’altro, quella che va nella direzione opposta, cioè dagli artefatti scientifici e tecnologici alla produzione di nuovi immaginari, i quali istituiscono, a loro volta, le condizioni di possibilità per la creazione di cornici mentali ed epistemologiche più adatte ad accogliere nuovi brainframe.


Le macro-aree che s’intendono esplorare sono le seguenti:


A. Le radici immaginarie ed epistemiche dell’AI. In quest’area s’intende far luce sulle strutture simboliche (mitiche, leggendarie, archetipiche, religiose, magiche, ecc.) che costituiscono il territorio immaginario che è divenuto alimento dell’Intelligenza Artificiale, e inoltre sui contesti discorsivi e le fratture epistemologiche (ad esempio quelle che segnano il passaggio dalla meccanica alla cibernetica) che hanno costellato il tracciato scientifico e tecnico di cui l’Intelligenza Artificiale è il prodotto;


B. Ambivalenze, aspirazioni e ansie tecnologiche. Qui si tratta di indagare le ragioni del successo e/o del rifiuto dell’AI mettendo sotto osservazione non solo i processi di tipo tecnologico, economico e pratico più immediati, ma anche le motivazioni più profonde, le aspirazioni sottese e le implicazioni immaginarie che l’AI per sua natura evoca e produce. In particolare si tratta di analizzare le ambivalenze associate al suo uso, le emozioni e le proiezioni immaginarie che essa implica – spesso in combinazione con gli interessi e le strategie che ne accompagnano la produzione e gli usi – le cui tracce sono reperibili anche nelle narrazioni del marketing, nelle strategie economico-produttive, nell’attività di lobbing, nelle politiche regolative, nelle retoriche istituzionali, nelle argomentazioni etiche ecc.; 


C. Le conseguenze psico-sociali, economiche e politiche. In questa sezione verranno privilegiate le analisi riguardanti le realizzazioni dell’AI nei diversi ambiti della vita sociale e le conseguenze che in termini fenomenici, prospettici e immaginari si riversano nelle diverse sfere della vita social (lavorativa, artistica, psichica, bellica, giuridica, politica, economico-finanziaria, medica, educativa ecc.); 


D. Promesse e futuri possibili dell’umanità artificiale. Qui verranno ospitate in particolare le riflessioni relative alle promesse, alle prospettive e ai possibili esiti delle trasformazioni dell’umano associate all’AI, non solo quelle inerenti il rapporto tra uomo e macchina “intelligente” ma anche quelle prodotte dalla combinazione di AI con altre innovazioni tecnologiche (ad esempio l’ingegneria genetica), inclusi gli scenari evidenziati nella produzione di utopie, distopie e retrotopie che hanno l’AI come oggetto. 


In questo numero, oltre ai contributi di natura sociologica, potranno essere ospitate anche riflessioni d’impianto filosofico, antropologico, etico, politico, psicoanalitico, giuridico, o provenienti dal mondo dell’arte, dal settore informatico, dal mondo della produzione, dell’economia e della finanza e da altri ambiti di ricerca sull’AI, purché la riflessione privilegi le componenti immaginarie del fenomeno. 


Gli articoli potranno essere redatti in lingua italiana, inglese, francese e spagnola. 


Dovranno contenere il nome o i nomi degli autori e le rispettive affiliazioni istituzionali ed essere accompagnate da un breve abstract (max 500 parole), 5 parole chiave, una bibliografia essenziale (5 riferimenti circa) e un breve biografema (max 50 parole). 


I contributi dovranno essere spediti simultaneamente a: rivistaimago@gmail.com e mariagiovanna.musso@uniroma1.it


Scadenze:


Presentazione degli abstract: entro il 15 marzo 2024
Comunicazione dell’eventuale accettazione: entro il 20 marzo 2024
Presentazione degli articoli in forma definitiva: entro il 15 maggio 2024
Revisione finale (in base agli esiti della peer-review): entro il 15 giugno 2024
Pubblicazione del numero: luglio 2024