COSTRUIRE PONTI DI LIBRI: FORMARE DOCENTI LETTORI PER UNA SCUOLA INTERCULTURALE

La Rosa Viviana

Abstract


Nella prospettiva di una scuola autenticamente inclusiva, il docente è prezioso costruttore di ponti tra linguaggi, culture, storie di formazione diverse. Il saggio intende proporre una riflessione sulla formazione del docente come narratore e lettore competente, nella convinzione che il patrimonio di storie che la letteratura per l’infanzia ci consegna costituisca via preziosa non solo per promuovere nell’allievo, sin dalla prima infanzia, competenze empatiche e di regolazione emotiva, ma anche per attivare strategie di comprensione interculturale. Nelle trame di un racconto, nel solco lasciato da fiabe e narrazioni lontane e vicine, attraverso personaggi di carta e mondi immaginati, è infatti possibile rintracciare i fili comuni dell’umanità tutta, sperimentando non una sola rappresentazione del mondo, ma tutte le potenziali, infinite narrazioni dell’esistente.

In line with the perspective of an authentic inclusive school, the teacher is a "precious builder of bridges" among languages, cultures, and different learning stories. The present work aims to offer a reflection about teacher training. In this sense, the teacher can be considered a competent narrator and reader. Therefore, it will be analyzed the heritage of stories that children's literature provides people, through the intervention of the teacher. In this sense, stories constitute a precious way not only to foster empathic competences and emotional regulation in children from early childhood but also to activate intercultural comprehension strategies. In other words, it is possible to trace the common threads of humanity investigating critically the plots and the meanders of ancient and modern fairy tales and narrations, through paper characters and imaginary worlds. In this way, it will be possible to experiment not a unique representation of the world, but all the potential and infinite narratives of reality.

Full Text

PDF